Pensieri, immagini, tipografia & diritto
Install Theme
letterheady:

Ginger Rogers, 1948 | Source
The personal stationery of American actress Ginger Rogers, who was born on this day in 1911. 

letterheady:

Ginger Rogers, 1948 | Source

The personal stationery of American actress Ginger Rogers, who was born on this day in 1911. 

archatlas:

Alfabeto Pittorico Antonio Basoli

Solo un italiano… 

(via betype)

Lo strano caso dell’atto non codificato

A futura memoria: cominciano a vedersi le stranezze del processo civile telematico.

Il caso: tempo fa iscrivo a ruolo una citazione in opposizione all’esecuzione e faccio istanza di sospensione dell’efficacia del precetto. Deposito separata istanza di sospensione che mi viene in sostanza rigettata perché il giudice rinvia alla udienza di trattazione. La Cancelleria mi invia quindi una PEC con allegata l’ordinanza.

Deposito quindi una seconda istanza di sospensione facendo presente che nel frattempo mi è stata notificato un pignoramento presso terzi.

Questa volta il giudice fissa una comparizione delle parti a brevissimo, ma la cancelleria mi manda soltanto la PEC con la comunicazione senza l’allegato che non è presente neppure nel fascicolo telematico.

Morale della faccenda: sabato sono andato in cancelleria, ho chiesto le copie autentiche urgenti e lunedì notificherò con urgenza il provvedimento alla controparte.

Dato che questa cosa mi è costato circa 100 euro di copie (ai quali andranno aggiunti quelli per la notifica), e dato che se avessi avuto il file avrei potuto fare tutto via pec invece di correre in Tribunale e fare le copie, ho chiesto in cancelleria perché non me lo avessero mandato, come del resto avevano fatto con l’altro. La risposta è stata che *l’atto in questione non è codificato e che quindi rimarrà cartaceo*.

Trovo la cosa del tutto assurda: se il processo è telematico, deve essere tutto telematico.

Che ne sarà di noi?

Ho finito da poco di leggere un libro pubblicato dal Mulino, intitolato Avvocati e avvocatura nell’Italia dell’Ottocento (pubblicato nel 2009).

Negli ultimi capitoli del libro vengono tracciati i ritratti di alcuni avvocati vissuti in Veneto e in Lombardia nel XIX secolo (tra essi Luigi Maino e Giuseppe Zanardelli). Il ritratto viene tratteggiato a partire dalle carte professionali: fascicoli, lettere, persino parcelle, tutte custodite in archivi.

Pensavo, ora che stiamo passando gradualmente al processo civile telematico: quali strumenti di ricerca avranno gli studiosi tra venti o trenta anni per fare indagine storica sui nostri tempi? Avremo la possibilità di conservare i dati custoditi negli atti giudiziari custoditi nei server e nei dischi rigidi dei nostri computer?

library-of-type:

Lettergieterij J. Enschedé, 1768

library-of-type:

Lettergieterij J. Enschedé, 1768

parislemon:

dascola:

"Come on, George. Loosen up. Swing, man."

Sinatra had a very nice blog theme. Very clean.

Bello il contrasto tra la carta intestata e il carattere della macchina per scrivere.

parislemon:

dascola:

"Come on, George. Loosen up. Swing, man."

Sinatra had a very nice blog theme. Very clean.

Bello il contrasto tra la carta intestata e il carattere della macchina per scrivere.

Medium su iPhone

Qualche considerazione sparsa

Ho iniziato a usare l’applicazione di Medium per iPhone da qualche giorno. Premesso che avrei capito di più una applicazione per iPad, devo dire che raramente ho trovato una interfaccia grafica così bella e rifinita per una applicazione (e del resto questo non mi stupisce vista la cura con la quale viene realizzata l’interfaccia grafica del sito: vedere per credere questo articolo sulla sottolineatura dei collegamenti esterni).

La gestualità dell’applicazione è molto intuitiva e anche la leggibilità dei testi è ottima.

Il vero problema è che la navigazione all’interno della grande quantità di testi è piuttosto complessa. Non tanto per saltare da una categoria all’altra in sé, quanto perché avere una panoramica delle categorie e dei testi disponibili è praticamente impossibile.

In pratica è come avere una rivista con una scorta infinita di articoli sui temi più vari. Può essere una ricchezza, ma alla fine si trasforma in un limite: lo stesso limite della rete in sè.

(questo post è apparso anche su Medium)

betype:

witandwhistle

Quando si parla di coincidenze, eh?

betype:

witandwhistle

Quando si parla di coincidenze, eh?

Come si può resistere a un poster così?

Come si può resistere a un poster così?